mercoledì 24 febbraio 2016

6 MESI IN AMERICA

E' da un bel po' che non aggiorno e non so proprio da dove iniziare! Negli ultimi due mesi sono cambiate tantissime cose, quindi mettetevi comodi e preparatevi un bel caffè. Ecco a voi:

Dopo le feste di Natale mi sono unita al club di recitazione della scuola, CAPA, e anche se all'inizio è stato abbastanza difficile seguire i corsi ogni giorno a causa degli orari folli, dopo un pò è andato tutto alla grande. Ormai CAPA esiste da anni e anche studenti che si sono diplomati tempo fa continuano a venire ai ''revershal'' per dare una mano. Le prove erano tutti i giorni dopo scuola (dalle 4 alle 7 o dalle 6 alle 9) e le competizioni si svolgevano di venerdì o sabato. Un mese fa abbiamo avuto i ''districts'' dove abbiamo gareggiato contro Owosso, un'altra scuola qui vicino, mentre la settimana successiva abbiamo avuto gli home show durante i quali ci siamo esibiti nel teatro della nostra scuola. Abbiamo gareggiato contro tantissime scuole, fino ad arrivare agli States con ben due commedie: ''The good doctor'' e ''The last lifeboat''. Io facevo parte del primo show che è una commedia, mentre il secondo parlava del Titanic quindi più drammatico. Gli States di quest'anno hanno avuto luogo alla Grand Rapids Catholic High School, una scuola modernissima che assomigliava ad un labirinto su più piani, piena di posti dove gli studenti si incontrano durante la giornata scolastica: tavoli da picnic, posti a sedere costruiti come le fermate degli autobus o classi dove i ragazzi potevano dormire. 


Siamo partiti venerdì 19 febbraio alle sette di mattina e siamo arrivati a Grand Rapids verso le nove. Le commedie erano una più bella dell'altra e i ragazzi delle altre scuole erano simpaticissimi, tant'è che abbiamo stretto amicizia con moltissimi studenti. Il primo giorno abbiamo guardato le commedie, mentre il secondo abbiamo gareggiato per primi per poi rilassarci nei vari posti d'incontro. Ormai avevo confidenza con tutti nel drama club, dato che erano mesi che ci incontravamo tutti i giorni, ma questo weekend mi ha dato una possibilità in più per conoscerli meglio. Infatti ho legato tanto con Kendra, Diana e Duncan e ho iniziato a conoscere bene Jacob. 
La sera in hotel gli insegnanti ci avevano consigliato di andare a dormire dato che la colazione sarebbe avvenuta molto presto ma eravamo così emozionati per la gara che abbiamo un pò parlato tutti insieme in una stanza e poi andati a dormire nel mezzo della notte. Sulla via di ritorno ci siamo fermati in un posto con soli fast food in modo da essere tutti accontentati. Ho preso un burrito da Taco Bell e poi dritta in bus a dormire. 


Ritornando un pò indietro volevo scrivere più nel dettaglio riguardo Gennaio. Ad inizio del mese c'è stato il compleanno di Grace dove siamo andate a mangiare insieme ad un paio di amici in un ristorante in città. Lì, ho conosciuto la famiglia di Grace, i genitori ed i due fratelli che hanno un good looking da paura, e ci siamo ritrovati talmente tanto in sintonia che suo padre mi ha invitato ad una delle cene di famiglie che si tengono ogni weekend. Avendogli detto che amo il sushi, mi ha portato in un posto famosissimo a Lansing, dove ho anche conosciuto la sua compagna, dove fanno uno dei migliori sushi del Michigan!! Ne abbiamo ordinato di tutti i tipi, sia crudo che cotto e infine abbiamo anche preso un dessert. La serata è andata a gonfie vele e mi sono sentita così a mio agio che non volevo più lasciare quel posto.






Durante una mattinata scolastica la professoressa di inglese ci informa che ci sarebbe venuta a trovare una scrittrice di 103 anni che nonostante l'eta continua a scrivere poesie ogni giorno e sta per pubblicare il suo quarto libro. Così l'incontro è avvenuto e la spensieratezza e la forza di quella donna mi hanno colpito tantissimo!! Riusciva a camminare e gesticolare benissimo, nonostante la vista iniziava a sparire e aveva da raccontare esperienze che è difficile poter sentire da una persona vivente! Ci ha parlato sia della prima che della seconda guerra mondiale e di come i tempi sono cambiati e di quanto sia felice della vita vissuta. E' stata d'esempio a tutti noi, sia per quanto riguarda il seguire i propri sogni sia per l'incoraggiamento nel vivere bene con se stessi.

Non ero molto convinta di scrivere riguardo un'accaduto successo un paio di settimane fa, ma dato che così come le cose belle, anche le cose brutte fanno un'esperienza, vi racconterò un pò riguardo a bad day. Durante un weekend, l'influenza arriva anche a me, così decido di restare per almeno i primi due giorni della settimana a casa. Martedì, entrambi i genitori erano a lavoro e il fratello a scuola, cosi decido di guardare Netflix nel letto. Dopo un'oretta sento un dolore atroce alla gamba sinistra, non avendo idea di cosa fosse mi alzo dal letto e vedo un grosso ragno nero sul mio piede e un grosso livido rosso sopra il ginocchio. Entrando nel pallone non sapevo a chi chiamare e cosa fare dato che ero da sola e nessuno poteva rispondere al cellulare. Così chiamo Saretta, una ex exchange student e mia amica, che mi dice di chiamare l'ambulanza nel caso il ragno fosse stato velenoso e avrei potuto prendere qualche tipo di infezione (il tutto è successo in lacrime). Per fortuna il ragno non era velenoso nonostante la mia fatica nel respirare e alcune allucinazioni. E' stato il giorno più brutto di tutta la mia vita, le lacrime non sono mancate e nemmeno la paura! Non so come avrei fatto se Sara non mi avesse calmato e fatto un pò ragionare, ma tutto è bene quel che finisce bene.


Ormai ho raggiunto i miei sei mesi qui in America e la wep ha iniziato ad inviare i biglietti di ritorno già da un bel pò. Vedendo il mio biglietto di ritorno, mi accorgo che la data è prefissata un mese dopo la fine della scuola. Per alcuni questo può significare tempo libero e attività in famiglia, ma dato che la mia hostfam nonostante sia eccezionale non ama viaggiare, sarebbe stato un mese tra televisione e letto. La scuola per noi Senior finisce il 26 Maggio, mentre per tutti gli altri a metà giugno. Restare per un mese in città quando i miei amici sono principalmente Juniors, quindi non poter organizzare nessun tipo di attività, decido di spostare il volo ad inizio Giugno, ma per ragioni che non so, è stato prenotato il 29 Maggio. Da una parte credo sia davvero molto presto, dato che sono partita il 26 Agosto, ma dall'altra sono contenta di poter trascorrere tutta l'estate in Italia, così come prima di partire.



Nessun commento:

Posta un commento