martedì 2 giugno 2015

ORENTATION

Le cose che aspetti con più ansia, arrivano e spariscono in un secondo.

                                       
E' ormai passata una settimana dal weekend più pazzo della mia vita, ma comunque quei giorni sono impressi nella mia mente in ogni momento. Non avrei mai pensato che persone con cui fino a qualche ora fa avevo solo parlato tramite computer o telefono, potessero entrare a far parte della mia vita in quel modo. Ricordo tutte le facce incontrate, tutti i sorrisi ricambiati e tutti gli abbracci ricevuti e non posso far altro che ringraziare ognuno di loro per essere stati complici di quei giorni così magnifici.

Venerdì alle 10.30 alla stazione centrale di Napoli, io, Cristina e Pierluigi siamo partiti per Bologna, dove ci avrebbe aspettato una parte della comitiva vip . Una volta arrivati, infatti, ci siamo riuniti tutti e, dopo aver pranzato al mc, abbiamo aspettato l'altra parte del gruppo per poi partire verso Ravenna. Poooooi alla stazione di Ravenna abbiamo preso un pullman che ci portava fino al villaggio e non potevano mancare le figuracce. Stavamo lì da due ore, perdendo tempo fino all'arrivo della navetta e ovviamente io e la Mati dovevamo andare in bagno due minuti prima del suo arrivo. Così quando siamo ritornate, dopo essercela presa con molta comodità, non abbiamo trovato nessuno fuorché le nostre valigie e la piccola Cristina (povera).

Il tempo non era dei migliori, pioveva da ormai ore e lì era tutto allagato. Nonostante ciò il parco si mostrava bellissimo e lì erano tutti accoglienti, oltre che bagnati.





                       







Dato che eravamo più di mille studenti, ci hanno sistemato in stanze e gruppi in ordine alfabetico, con orari e programmi differenti. I nomi dei gruppi erano molto particolari del tipo:
cookies, marshmallow, fish and chips, s'mores, etc. Ogni gruppo aveva un buddy, ovvero un ex-exchange student che testimoniava la sua esperienza. Il mio era Francesco Piccoli, un ragazzo che ha postato video su youtube riguardo il suo semestre in Texas (cliccate qui per vederli) e devo dire che mi è stato davvero molto utile, togliendomi tanti dubbi.
Abbiamo svolto tantissime attività, dall'ice breaker alla caccia al tesoro. Dal bookcrossing al wep's got talent. Non c'è stato un attimo in cui ci siamo annoiati o in cui le mie guance non sentivano dolore dalle risate. Oltre a tanto divertimento e all'incontrare tante persone con la tua stessa voglia malata di partire, l'orentation è importante anche per prepararti agli eventuali problemi che si possono incontrare durante l'esperienza. Ci hanno spiegato le varie regole, l'importanza della comunicazione e dell'essere socievoli e di quanta forza di volontà dobbiamo avere. Qui potete trovare il video di Silvia, in cui spiega in modo più dettagliato i vari programmi svolti durante questi giorni.


Vorrei dire grazie grazie grazie a quel gruppo di weppini con cui non hai bisogno di creare barriere, con cui non devi aver paura di essere te stessa o con cui devi preoccuparti di riflettere prima di parlare. Grazie per avermi fatto sentire così bene, per avermi accettato per come sono e per avermi, nel vostro piccolo, cambiato. Grazie Alice, Simona, Matilde, Silvia, Chiara, Tommaso, Cristina, Pierluigi, Eleonora, Sari, Emanuele, Fulvio, Irene, Gaia, Davide, Andrea, Anna, Valery,  Concetta, Emiliano, Giovanni, Giulia, Diletta, Renato, Asia.